4 agosto 2017 ore 21 Tamara Lunger a Levico in piazza della Chiesa

“Levico Terme incontra gli autori. Rassegna di montagna, vita e poesia”

Venerdì 4 agosto – ore 21.00 Piazza della Chiesa a Levico Terme
Io, gli ottomila e la felicità. I miei sogni tra amore per la montagna e sfida con me stessa (Rizzoli, 2017)
Incontro con TAMARA LUNGER, una delle più grandi alpiniste e scialpiniste viventi, che nel 2016 ha tentato con Simone Moro di raggiungere la vetta del Nanga Parbat “il gigante di ghiaccio” in Pakistan (8.126 m)

In dialogo con ANNA FACCHINI, presidente Commissione Cultura della Sat
In caso di maltempo l’evento si svolgerà presso Villa Sissi (Grand Hotel Imperial)

L’incontro con Tamara Lunger è curato dalla Biblioteca comunale di Levico Terme, con la partecipazione della Sat di Levico.
INGRESSO LIBERO

IL LIBRO:
"Essere la prima donna a scalare un 8000 in una prima salita invernale. Era uno dei miei sogni più belli, anche se, nel tentativo di realizzarlo… mi è stato regalato molto, molto di più.”
Sono parole di Tamara Lunger, la giovane e fortissima alpinista altoatesina che nel febbraio 2016 ha tentato con Simone Moro la vetta del Nanga Parbat in invernale. Lui l’ha raggiunta, mentre lei, a soli 70 metri dalla cima, ha rinunciato. Stava male e ha ascoltato la “voce interiore” che le diceva di scendere, con la consapevolezza che, se invece fosse andata oltre per amor di gloria, avrebbe poi avuto bisogno d’aiuto per scendere, magari mettendo in pericolo i compagni di cordata. Ma chi è questa donna capace di imprese finora tentate solo da uomini? Che cosa la spinge a sfide estreme? In questo libro Tamara si racconta parlando dell’impresa del Nanga, ma scavando molto anche nel proprio mondo e dentro di sé. Ne scaturisce una personalità dirompente che, cresciuta a profondo contatto con la Natura, abituata fin da piccola a mettersi alla prova nello sport, coltiva la passione per l’alpinismo come un modo per trovare se stessa. Certo, essere una donna in un ambiente finora quasi solo esclusivamente maschile ha un prezzo: al campo base bisogna farsi valere, dimostrare che si è capaci di sforzi “da uomini” e magari anche tenere a bada alpinisti «che sembrano marinai appena scesi da una nave»… Ma Tamara, forse anche grazie a un pizzico di follia davanti ai pericoli, vive l’alpinismo come un modo per migliorarsi costantemente, essere in armonia con il cosmo. Per lei la sfida in montagna ha infatti anche qualcosa di spirituale, la avvicina a Dio. E le dona la felicità. Leggere queste pagine, ora avventurose ora meditative, è come fare un’iniezione di energia pura.

TAMARA LUNGER:
Nata a Bolzano nel 1986, figlia di un noto scialpinista italiano, ha vissuto tutta la sua vita sulle montagne. Forse per questo è stato inevitabile che la montagna avesse una così forte influenza nella sua vita, e diventasse la sua passione. Nel 2014 raggiunge la vetta del K2 come seconda donna italiana nella storia dell’alpinismo.
Fin da quando era piccola, Tamara ha praticato tanti diversi sport, anche l’atletica leggera (due volte vice-campionessa italiana nel lancio del disco), ma la sua vera passione, la montagna, è rimasta negli anni invariata. Nel 2002 inizia a praticare lo scialpinismo e a cimentarsi nelle sue prime gare. Come membro della squadra nazionale è riuscita a vincere titoli importanti: tra questi quello di campionessa italiana nel 2006 e 2008, di vice-campionessa nel 2007, ha vinto la Pierra Menta nel 2007 e nel 2008 e anche il titolo di campione del mondo sulla lunga distanza sempre nel 2008.
Dopo questo periodo di gare di sci-alpinismo ha avuto bisogno di nuove sfide in alta montagna. Già all’età di 14 anni aveva il sogno di scalare un ottomila e da sempre una certa idea di come doveva essere. E nel 2009, con la sua prima esperienza alpinistica in Nepal, poté confermare a sé stessa che quell’idea era corretta. Da allora, le cose sono state chiare a Tamara: "questa è la vita che voglio, niente di diverso".
Da allora le sue imprese diventano sempre più impegnative: sale sul Manaslu (Himalaya in Nepal, 8163 m), scala in K2 (Karakorum in Pakistan 8611 m), il Peak Lenin (Kirghizistan, 7143 m) percorre per 150 il Karakorum, sale sul il Kahan Tengri (Kazakistan, 7010 m), sul Lhotse (Himalaya in Nepal, 8.516 m), il Cho Oyou (Himalaya in Cina, 8.122m).
Nel 2016 compie la più grande impresa della sua vita: tenta con Simone Moro di raggiungere la vetta del Nanga Parbàt in Pakistan (8.126m), “il gigante di ghiaccio”, come prima donna al mondo che scala in invernale un 8.000, ma a un centinaio di metri dalla vetta è costretta fermarsi per problemi di salute.

LA RASSEGNA
“Levico Terme incontra gli autori”, rassegna di montagna, vita e poesia
La rassegna è organizzata dalla Piccola Libreria e dalla Biblioteca Comunale di Levico Terme. L’ingresso a tutti gli appuntamenti è gratuito.
In collaborazione con: l’APT Valsugana, il Consorzio Levico Terme in Centro, il Comune di Levico Terme, l’ASAT Levico Terme, l’Associazione Culturale Chiarentana, la SAT Levico Terme, l’Associazione Forte delle Benne, Il Grand Hotel Imperial, Il Caffè Nazionale, l’Osteria Boivin.
Con il sostegno di LEVICOACQUE e Cassa Rurale Alta Valsugana.
Grafica a cura di Elisa Corni

Annunci


Categorie:Attività

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: