Ddl modifica politiche giovanili in Trentino 30 ottobre 2017

https://www.consiglio.provincia.tn.it/attivita/atti-politici/archivio/Pages/Disegno%20di%20legge%20n.%20219XV%20di%20iniziativa%20giuntale_854904.aspx?zid=61d2242f-134d-43d2-a835-ce6187a517ba

CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

XV LEGISLATURA ANNO 2017

DISEGNO DI LEGGE 30 ottobre 2017, n. 219

Modificazioni della legge provinciale sui giovani 2007, della legge provinciale sulla scuola 2006, della legge provinciale 28 maggio 2009, n. 7 (Istituzione del consiglio provinciale dei giovani), e della legge provinciale sul benessere familiare 2011

D’iniziativa della Giunta provinciale

su proposta dell’assessora Sara Ferrari

Presentato il 30 ottobre 2017

Assegnato alla Quarta Commissione permanente

DISEGNO DI LEGGE 30 ottobre 2017, n. 219

Modificazioni della legge provinciale sui giovani 2007, della legge provinciale sulla scuola 2006, della legge provinciale 28 maggio 2009, n. 7 (Istituzione del consiglio provinciale dei giovani), e della legge provinciale sul benessere familiare 2011

INDICE

Art. 1 – Integrazione dell’articolo 1 della legge provinciale 14 febbraio 2007, n. 5 (legge provinciale sui giovani 2007)

Art. 2 – Inserimento dell’articolo 6 ter nella legge provinciale sui giovani 2007

Art. 3 – Inserimento dell’articolo 6 quater nella legge provinciale sui giovani 2007

Art. 4 – Inserimento dell’articolo 6 quinquies nella legge provinciale sui giovani 2007

Art. 5 – Sostituzione dell’articolo 8 della legge provinciale sui giovani 2007

Art. 6 – Inserimento dell’articolo 8 bis nella legge provinciale sui giovani 2007

Art. 7 – Sostituzione dell’articolo 11 della legge provinciale sui giovani 2007

Art. 8 – Modificazioni dell’articolo 14 della legge provinciale sui giovani 2007

Art. 9 – Modificazioni dell’articolo 16 della legge provinciale sui giovani 2007

Art. 10 – Sostituzione dell’articolo 17 della legge provinciale sui giovani 2007

Art. 11 – Modificazioni dell’articolo 18 della legge provinciale sui giovani 2007

Art. 12 – Sostituzione dell’articolo 20 della legge provinciale sui giovani 2007

Art. 13 – Sostituzione dell’articolo 21 della legge provinciale sui giovani 2007

Art. 14 – Sostituzione dell’articolo 21 bis della legge provinciale sui giovani 2007

Art. 15 – Sostituzione dell’articolo 22 della legge provinciale sui giovani 2007

Art. 16 – Modificazione dell’articolo 23 della legge provinciale sui giovani 2007

Art. 17 – Modificazione dell’articolo 2 della legge provinciale 28 maggio 2009, n. 7 (Istituzione del consiglio provinciale dei giovani)

Art. 18 – Modificazioni dell’articolo 3 della legge provinciale n. 7 del 2009

Art. 19 – Modificazione dell’articolo 40 della legge provinciale 7 agosto 2006, n. 5 (legge provinciale sulla scuola 2006)

Art. 20 – Abrogazioni

Art. 21 – Disposizioni transitorie

Art. 22 – Disposizioni finanziarie

Art. 1

Integrazione dell’articolo 1 della legge provinciale 14 febbraio 2007, n. 5 (legge provinciale sui giovani 2007)

1. Dopo la lettera j) del comma 3 dell’articolo 1 della legge provinciale sui giovani 2007 è inserita la seguente:

"j bis) promuove il contrasto al fenomeno del bullismo."

Art. 2

Inserimento dell’articolo 6 ter nella legge provinciale sui giovani 2007

1. Dopo l’articolo 6 bis della legge provinciale sui giovani 2007 è inserito il seguente:

"Art. 6 ter

Promozione dell’attività lavorativa nel periodo estivo

1. La Provincia riconosce il potenziale educativo e formativo delle attività lavorative che gli studenti in età lavorativa svolgono durante il periodo estivo, anche all’estero, e sostiene lo sviluppo di queste attività lavorative estive. Per tale finalità la Provincia orienta le attività dei piani giovani di zona per favorire l’incontro fra domanda e offerta di lavoro estivo dei giovani, anche in età di obbligo scolastico, anche mediante l’utilizzo degli strumenti previsti dall’articolo 4 ter della legge provinciale 16 giugno 1983, n. 19 (legge provinciale sul lavoro 1983)."

Art. 3

Inserimento dell’articolo 6 quater nella legge provinciale sui giovani 2007

1. Dopo l’articolo 6 ter della legge provinciale sui giovani 2007 è inserito il seguente:

"Art. 6 quater

Azioni di contrasto al bullismo

1. La Provincia effettua direttamente e promuove, nell’ambito dei piani giovani previsti dall’articolo 6, azioni di contrasto ad ogni forma di bullismo.

2. Per le finalità del comma 1 la Provincia favorisce e promuove progettualità anche in ambito scolastico."

Art. 4

Inserimento dell’articolo 6 quinquies nella legge provinciale sui giovani 2007

1. Dopo l’articolo 6 quater della legge provinciale sui giovani 2007 è inserito il seguente:

"Art. 6 quinquies

Cittadinanza digitale e contrasto al cyberbullismo

1. La Provincia, anche in collaborazione con gli enti locali, promuove attività di formazione sulle nuove tecnologie finalizzate tra l’altro a sensibilizzare i giovani all’uso sicuro e responsabile delle nuove tecnologie, nonché a colmare il divario digitale culturale, generazionale e territoriale.

2. Per le finalità del comma 1 la Provincia può promuovere bandi, previsti all’articolo 6, comma 1, lettera a), sul tema del cyberbullismo, diretti alle istituzioni scolastiche e formative provinciali di ogni ordine e grado. La Provincia può anche promuovere bandi, previsti all’articolo 6, comma 1, lettera a), diretti a organizzazioni non lucrative di utilità sociale, cooperative sociali e ogni altro soggetto edorganizzazione del territorio indicate dall’articolo 4, comma1 lettere b) e c).

3. Per coordinare le azioni destinate alle finalità del comma 1 la Provincia istituisce una cabina di regia la cui composizione e ambito operativo sono definiti con deliberazione della Giunta provinciale."

Art. 5

Sostituzione dell’articolo 8 della legge provinciale sui giovani 2007

1. L’articolo 8 della legge provinciale sui giovani 2007 è sostituito dal seguente:

"Art. 8

Sportello giovani

1. La Provincia promuove l’attivazione dello sportello giovani per favorire l’informazione su tutti i diritti e i servizi esistenti sul proprio territorio, per rendere accessibili i servizi ai giovani e aumentare l’efficienza e l’efficacia dell’azione amministrativa nei loro confronti.

2. Lo sportello è gestito utilizzando anche le nuove tecnologie e i social network e svolge, a favore di giovani, le seguenti attività:

a) orienta e informa sui diritti e servizi previsti da questa legge, dalle altre discipline settoriali provinciali;

b) fornisce le informazioni sulle opportunità offerte dai piani giovani di zona e di ambito.

c) favorisce la creazione di network anche al fine di promuovere aggregazioni di supporto per le progettazioni europee.

3. La Provincia favorisce la diffusione delle informazioni relative ad attività e servizi destinati ai giovani anche a livello locale mediante l’attivazione di sportelli periferici da parte dei piani giovani."

Art. 6

Inserimento dell’articolo 8 bis nella legge provinciale sui giovani 2007

1. Dopo l’articolo 8 della legge provinciale sui giovani 2007 è inserito il seguente:

"Art. 8 bis

Collaborazione con la fondazione Demarchi

1. Lo svolgimento delle attività disciplinate da questa legge può essere effettuato dalla Provincia anche in collaborazione con la fondazione Demarchi, prevista dall’allegato A della legge provinciale 16 giugno 2006, n. 3 (Norme in materia di governo dell’autonomia del Trentino), secondo quanto previsto dall’accordo di programma ivi disciplinato."

Art. 7

Sostituzione dell’articolo 11 della legge provinciale sui giovani 2007

1. L’articolo 11 della legge provinciale sui giovani 2007 è sostituito dal seguente:

"Art. 11

Rapporto sullo stato di attuazione del sistema integrato delle politiche giovanili

1. Ogni due anni la Provincia elabora e rende disponibile, anche pubblicandolo sul proprio sito, un rapporto sull’attuazione del sistema integrato delle politiche giovanili. Il rapporto è approvato dalla Giunta provinciale.

2. Il rapporto è lo strumento di rendicontazione provinciale sullo stato di attuazione delle politiche giovanili e riporta le seguenti informazioni:

a) l’evoluzione nel tempo delle condizioni economiche e sociali dei giovani;

b) le modalità e le risorse impiegate per l’attuazione degli interventi previsti da questa legge, con particolare riguardo a quelli finalizzati all’attivazione dei piani giovani di zona e d’ambito e alle politiche volte a favorire la transizione all’età adulta;

c) il funzionamento dei piani giovani di zona e d’ambito, con la descrizione dei soggetti che vi aderiscono e degli strumenti di collaborazione e raccordo istituzionale adottati al fine di dar vita ad un sistema integrato per le politiche giovanili;

d) l’operatività e l’utilizzo, ai fini di programmazione e indirizzo, del sistema informativo per le politiche giovanili;

e) il rapporto sulla condizione giovanile in provincia di Trento."

Art. 8

Modificazioni dell’articolo 14 della legge provinciale sui giovani 2007

1. Nel comma 1 dell’articolo 14 della legge provinciale sui giovani 2007 le parole: "un membro dell’osservatorio permanente sulla condizione dell’infanzia e dei giovani" sono soppresse.

2. Nel comma 1 dell’articolo 14 della legge provinciale sui giovani 2007 le parole: "un funzionario del dipartimento competente in materia di politiche giovanili" sono sostituite dalle seguenti: "due funzionari del dipartimento competente in materia di politiche giovanili".

Art. 9

Modificazioni dell’articolo 16 della legge provinciale sui giovani 2007

1. Dopo il comma 1 dell’articolo 16 della legge provinciale sui giovani 2007 è inserito il seguente:

"1 bis. Il servizio civile universale provinciale è finalizzato a contribuire alla crescita personale e al raggiungimento dell’autonomia e alla transizione all’età adulta."

2. La lettera a) del comma 2 dell’articolo 16 della legge provinciale sui giovani 2007 è sostituita dalla seguente:

"a) realizzare esperienze di formazione al lavoro e alla responsabilità sociale;".

Art. 10

Sostituzione dell’articolo 17 della legge provinciale sui giovani 2007

1. L’articolo 17 della legge provinciale sui giovani 2007 è sostituito dal seguente:

"Art. 17

Soggetti del servizio civile universale provinciale

1. I soggetti del servizio civile universale provinciale sono:

a) la Provincia, che provvede alle funzioni previste dall’articolo 18;

b) le organizzazioni iscritte all’albo previsto dall’articolo 20, che concorrono al perseguimento degli obiettivi previsti da questo capo attraverso la realizzazione di progetti;

c) i giovani partecipanti.

2. La Provincia promuove il coinvolgimento e la partecipazione delle comunità e dei comuni per la realizzazione di progetti di servizio civile universale provinciale."

Art. 11

Modificazioni dell’articolo 18 della legge provinciale sui giovani 2007

1. Nell’alinea del comma 1 dell’articolo 18 della legge provinciale sui giovani 2007 le parole: "del servizio civile provinciale" sono sostituite dalle seguenti: "del servizio civile universale provinciale".

2. La lettera d) del comma 1 dell’articolo 18 della legge provinciale sui giovani 2007 è sostituita dalla seguente:

"d) istituisce e cura l’albo provinciale del servizio civile universale provinciale;";

3. Il comma 3 dell’articolo 18 della legge provinciale sui giovani 2007 è sostituito dal seguente:

"3. La Provincia è autorizzata a stipulare accordi con la Presidenza del Consiglio dei ministri, ai sensi dell’articolo 7 del decreto legislativo 6 marzo 2017, n. 40 (Istituzione e disciplina del servizio civile universale, a norma dell’articolo 8 della legge 6 giugno 2016, n. 106)."

Art. 12

Sostituzione dell’articolo 20 della legge provinciale sui giovani 2007

1. L’articolo 20 della legge provinciale sui giovani 2007 è sostituito dal seguente:

"Art. 20

Albo delle organizzazioni del servizio civile universale provinciale

1. L’albo delle organizzazioni del servizio civile universale provinciale contiene l’elenco dei soggetti abilitati alla gestione dei progetti di servizio civile universale provinciale.

2. Possono essere iscritti i soggetti che presentano i seguenti requisiti:

a) dispongono di capacità organizzativa e di possibilità d’impiego in rapporto al servizio civile universale provinciale;

b) condividono le finalità dell’articolo 16, comma 2, attraverso la sottoscrizione di un carta di impegno;

c) svolgano l’attività continuativamente da almeno due anni.

3. La Giunta provinciale istituisce l’albo delle organizzazioni del servizio civile universale provinciale e ne stabilisce le modalità di adesione e di funzionamento."

Art. 13

Sostituzione dell’articolo 21 della legge provinciale sui giovani 2007

1. L’articolo 21 della legge provinciale sui giovani 2007 è sostituito dal seguente:

"Art. 21

Destinatari degli interventi e dei progetti

1. Per soddisfare le richieste dei giovani di partecipazione al servizio civile universale provinciale, la Provincia coordina e promuove la realizzazione di progetti di servizio civile da parte dei soggetti iscritti all’albo delle organizzazioni del servizio civile universale provinciale.

2. I destinatari dei progetti del servizio civile universale provinciale sono i giovani partecipanti, di età compresa tra i diciotto e i ventotto anni.

3. Con regolamento sono disciplinati i criteri e le modalità per l’ammissione dei giovani al servizio civile universale provinciale, le modalità di accesso, la durata del servizio, in relazione alle differenti tipologie di progetti di impiego, i trattamenti economici e giuridici."

Art. 14

Sostituzione dell’articolo 21 bis della legge provinciale sui giovani 2007

1. L’articolo 21 bis della legge provinciale sui giovani 2007 è sostituito dal seguente:

"Art. 21 bis

Progetti di impegno nel servizio civile universale provinciale

1 Aderendo ai valori del servizio civile universale provinciale, gli enti iscritti nell’albo provinciale del servizio civile possono richiedere alla Provincia l’autorizzazione ad attivare, con oneri a proprio carico, progetti di servizio civile coerenti con le linee guida previste dall’articolo 19; la Provincia concorre a questi progetti con il finanziamento delle spese previdenziali e di assicurazione."

Art. 15

Sostituzione dell’articolo 22 della legge provinciale sui giovani 2007

1. L’articolo 22 della legge provinciale sui giovani 2007 è sostituito dal seguente:

"Art. 22

Consulta provinciale per il servizio civile

1. La Giunta provinciale istituisce la consulta provinciale per il servizio civile universale provinciale, quale organismo permanente di confronto della Provincia con le organizzazioni di servizio civile iscritte all’albo delle organizzazioni del servizio civile universale.

2. La consulta è composta da un minimo di cinque a un massimo di dieci membri eletti dalle organizzazioni iscritte all’albo. Alle sedute della consulta partecipa al fine del coordinamento il responsabile della struttura provinciale competente in materia di servizio civile.

3. La consulta presenta alla Giunta provinciale, entro il 31 dicembre di ogni anno, una relazione sull’andamento del servizio civile in provincia di Trento e le fornisce proposte per la programmazione degli interventi da realizzare.

4. Le modalità di individuazione dei componenti, le funzioni, le modalità di funzionamento della consulta sono stabilite dalla Giunta provinciale."

Art. 16

Modificazione dell’articolo 23 della legge provinciale sui giovani 2007

1. Nella lettera c) del comma 1 dell’articolo 23 della legge provinciale sui giovani 2007 le parole: "servizio civile provinciale" sono sostituite dalle seguenti: "servizio civile universale provinciale".

Art. 17

Modificazione dell’articolo 2 della legge provinciale 28 maggio 2009, n. 7 (Istituzione del consiglio provinciale dei giovani)

1. Il comma 3 dell’articolo 2 della legge provinciale n. 7 del 2009 è sostituito dal seguente:

"3. Il consiglio provinciale dei giovani, inoltre, svolge le seguenti funzioni:

a) formula proposte in ordine alla predisposizione degli atti di programmazione provinciale riguardanti sia tematiche di interesse dei giovani sia tematiche di interesse generale;

b) esprime le proprie osservazioni in relazione al rapporto sullo stato di attuazione del sistema integrato delle politiche giovanili

c) promuove iniziative e manifestazioni di particolare interesse attinenti alle finalità di questa legge."

Art. 18

Modificazioni dell’articolo 3 della legge provinciale n. 7 del 2009

1. I commi 1, 2, 3 e 4 dell’articolo 3 della legge provinciale n. 7 del 2009 sono sostituiti dai seguenti:

"1. Il consiglio provinciale dei giovani è nominato dal Presidente del Consiglio provinciale e rimane in carica per la durata della legislatura. Esso è composto da :

a) il presidente della consulta provinciale degli studenti istituita dall’articolo 40 della legge provinciale sulla scuola 2006, e quattro membri eletti tra gli altri componenti della consulta;

b) sei membri provenienti dal mondo associazionistico giovanile trentino e dal mondo universitario, di età compresa tra i diciotto ed i trentacinque anni d’età, individuati dalla struttura provinciale competente in materia di politiche giovanili a seguito di consultazioni e sulla base del principio di rotazione e di rappresentanza dei diversi settori.

2. Se i componenti eletti dalla consulta provinciale degli studenti non hanno più titolo a farne parte subentrano, per il periodo rimanente di durata del consiglio provinciale dei giovani, i candidati collocati utilmente nella graduatoria di elezione. In caso di ulteriori necessità la consulta effettua elezioni suppletive.

3. Il consiglio provinciale dei giovani disciplina il suo funzionamento con un regolamento interno approvato d’intesa con la competente commissione permanente del Consiglio provinciale. Il supporto al consiglio provinciale dei giovani è garantito dalla struttura provinciale competente in materia di politiche giovanili.

4. Il consiglio provinciale dei giovani elegge al suo interno un presidente. Nella prima seduta successiva alle elezioni la carica di presidente del consiglio provinciale dei giovani è provvisoriamente assegnata al componente più anziano tra i componenti indicati nel comma 1."

Art. 19

Modificazione dell’articolo 40 della legge provinciale 7 agosto 2006, n. 5 (legge provinciale sulla scuola 2006)

1. La lettera e bis) del comma 2 dell’articolo 40 della legge provinciale sulla scuola 2006 è sostituita dalla seguente:

"e bis) eleggere i componenti di sua competenza all’interno del consiglio provinciale dei giovani previsto dall’articolo 2 della legge provinciale 28 maggio 2009, n. 7 (Istituzione del consiglio provinciale dei giovani);".

Art. 20

Abrogazioni

1. L’articolo 10 della legge provinciale sui giovani 2007 è abrogato.

2. Il comma 2 dell’articolo 15 della legge provinciale 2 marzo 2011, n. 1 (legge provinciale sul benessere familiare), è abrogato.

Art. 21

Disposizioni transitorie

1. Il consiglio provinciale dei giovani previsto dall’articolo 3 della legge provinciale n. 7 del 2009, come modificato dall’articolo 18 della presente legge, è nominato, in prima applicazione, a decorrere dalla XVI legislatura provinciale. Fino a questa nomina continua a operare il consiglio provinciale dei giovani disciplinato dall’articolo 2 della legge provinciale n. 7 del 2009, nel testo vigente prima delle modificazioni.

2. Le modificazioni alle competenze del Consiglio provinciale dei giovani previste dall’articolo 3 della legge provinciale n. 7 del 2009, come modificato dall’articolo 17 della presente legge, si applicano dopo la nomina del nuovo consiglio ai sensi del comma 1.

Art. 22

Disposizioni finanziarie

1. Dall’applicazione di questa legge non derivano maggiori spese rispetto a quelle già autorizzate in bilancio nella missione 06 (Politiche giovanili, sport e tempo libero), programma 02 (Giovani), titolo 1 (Spese correnti).

IDAP_860514.doc

Annunci


Categorie:Attività

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: