PATRICIA GUERRERO a Bolzano con CATEDRAL, mercoledì 17 gennaio

Patricia Guerrero, “bailaora” star
al Comunale di Bolzano con «CATEDRAL»

Lo spettacolo, vincitore all’ultima Biennale di flamenco a Siviglia,
sarà in scena mercoledì 17 gennaio 2018.

È la nuova star del flamenco, Patricia Guerrero. Vincitrice dell’ultima Biennale di flamenco di Siviglia, approda al Teatro Comunale di Bolzano con Catedral, il suo ultimo spettacolo firmato con il regista Juan Dolores Caballero. In scena con lei tre ballerine, musicisti e cantanti per quello che è stato definito dalla critica uno “spettacolo monumentale”, candidato anche ai Premios Max de Artes Escenicas.
Bailaora prodigio, Patricia Guerrero (Granada, 1980) a otto anni era già sul palcoscenico spinta dalla madre, la bailaora Carmen Guerrero, nella cui scuola ha mosso i primi passi. A diciassette anni ha incassato il suo primo premio, El Desplante, al Festival de Cante de las Minas (La Uníon), e a venti è stata scelta dal regista Carlos Saura per il suo film Flamenco, Flamenco. Ballerina Solista per il Ballet Flamenco de Andalucía sotto la direzione di Rubén Olmo, ha lasciato la compagnia per fondarne una propria con la quale ha realizzato a oggi tre produzioni e ha ottenuto due Premi Giraldillo, il riconoscimento per eccellenza in ambito flamenco. L’ultimo l’ha vinto alla Biennale di Siviglia 2016 proprio con Catedral, il suo ultimospettacolo che approda a Bolzano per la stagione InDanza promossa dal Centro Servizi Culturali S. Chiara.
Con Catedral, Guerrero firma anche il suo progetto teatrale più ambizioso coadiuvata dal regista Juan Dolores Caballero: insieme affrontano il tema della fede a ritmo flamenco, ambientando lo spettacolo in una sorta di chiesa, simboleggiata da un colonnato/navata, da candele e dal profumo d’incenso. «Questa cattedrale – spiega il regista – non è un luogo di ritiro e riflessione. È la struttura ideologica che consente alla donna di compiere la sua funzione in una società patriarcale.»
La bailaora si trova dunque ad affrontare il passaggio dall’oscurità alla luce, dall’oppressione alla libertà, accompagnata nel suo percorso di riscatto da tre ex colleghe del Ballet Flamenco de Andalucía (Maise Márquez, Ana Agraz e Mónica Iglesias), dal canto di José Anillo, dall’emozionante chitarra di Juan Requena, autore della musica insieme a Agustin Diassera, dalle percussioni di David Chupete e Paco Vega. Ma in scena ci sono anche i gemelli Diego e Daniel Pérez, rispettivamente tenore e controtenore, che fanno da contrappunto all’estetica flamenca dominante, come voci profonde di colpa e peccato che riaffiorano alla coscienza. Una liturgia del dolore e della liberazione, un percorso di trasformazione, perdita e follia.
Mercoledì 17 gennaio il sipario del Teatro Comunale di Bolzano si alzerà su «CATEDRAL» alle ore 20.30.

Trento/Bolzano, 12 gennaio 2018

Annunci


Categorie:Live

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: