Imer 18 febbraio ore 16.30 incontro con i candidati Antonella Valer e Vincenzo Calì

Si terrà domenica 18 febbraio, alle ore 16.30 a Imer l’incontro pubblico di presentazione dei candidati di Liberi e Uguali nel collegio uninominale in Primiero: Antonella Valer, candidata alla Camera dei Deputati e Vincenzo Calì, candidato al Senato della Repubblica.

L’incontro, dal titolo “Alla ricerca di buone ragioni per votare”, si svolgerà presso la presso la Sala delle Sieghe in Via Meatoli e sarà l’occasione per i cittadini e le cittadine per incontrare e conoscere i candidati di Liberi e Uguali, e per loro di conoscere più da vicino la realtà del Primiero, e illustrare le modalità di voto, e ricordare l’importanza di andare a votare in un momento di incertezza quale quello presente.

Come in tutti i loro incontri di presentazione, Valer e Calì doneranno a tutti i partecipanti all’incontro una copia della Costituzione Italiana, quale patrimonio da proteggere ma anche quale ricchezza da riscoprire e attuare fino in fondo.

Antonella Valer, 46 anni, candidata alla Camera: “Non ho esperienze politiche nelle istituzioni, ma “faccio politica” nella mia vita di tutti i giorni: ho sempre creduto nella partecipazione attiva dei cittadini e delle cittadine alla vita delle loro comunità, nella funzione essenziale dell’educazione, e nell’importanza della formazione per la democrazia. Credo nella politica come la definiva Lorenzo Milani: “Ho imparato che il problema degli altri è uguale al mio. Uscirne da soli è avarizia. Uscirne tutti insieme è politica.”

Vincenzo Calì, 72 anni, candidato al Senato: “Di Antonella condivido la spinta ideale: promuovere la partecipazione attiva dei cittadini e delle cittadine alla vita democratica del nostro Paese. La mia esperienza parte con la partecipazione attiva ai movimenti che segnarono gli anni sessanta; oggi, in un momento storico in cui vediamo con quali difficoltà le giovani generazioni si trovano ad affrontare le sfide del mondo nuovo, della spinta contestativa di allora è rimasta la volontà di non arrendersi di fronte alla crisi di partecipazione, il senso del dovere di portare il proprio contributo a far sì che il dettato dell’art. 3 della Costituzione, che abbiamo difeso con il referendum, non rimanga lettera morta. Amo il Trentino di cui sono cittadino dal lontano 1968 e alla cui valorizzazione ho dedicato gran parte della mia attività, all’Università e al Museo storico della città capoluogo.”

Annunci


Categorie:Live

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: